CAPITOLO 36

Teresa, invigorita anche dalle parole che le avevo detto durante la pausa, cominciò la quarta ripresa in maniera molto 

decisa, andando subito in cerca dello scontro fisico e dopo alcuni colpi nella guardia di Allison, portò a segno un

bellissimo montante destro, il movimento delle gambe e la torsione del busto furono precisi e e il pubblico apprezzò

questo gesto atletico con un grosso boato esploso quando videro la testa di Allison andare indietro dopo l'impatto.

La campionessa in carica accusò il colpo e mosse subito le braccia per agganciare l'avversaria e tirarla verso di se. 

In particolare Allison usò il guantone destro per accompagnare la testa di Teresa verso la sua e con il guantone sinistro

vide di fermare il braccio destro dell'avversaria. Entrambe avevano il fiatone, i paradenti sporgevano e lo sguardo era 

stanco ma la "Mammina Pugile" non si accontentò del clinch e con il guantone sinistro riuscì a portare dei piccoli 

montanti di disturbo.

Quando l'azione ricominciò Teresa si fece nuovamente avanti e con due vivaci combinazioni spinse l'avversaria verso 

le corde, ma  prima di toccarle con la schiena Allison volle assicurarsi di rendere inoffensiva Teresa, perciò la agganciò

con decisione e la strinse a se, portandosela alle corde. L'infermiera appoggiò stancamente la testa sulla spalla sinistra

della mia pugilessa, la osservai e notai un vistoso gonfiore allo zigomo destro. Era segno che i pugni di Teresa faceavano

male e avevano lasciato i loro segni. L'arbitro intervenne a dividere le due contendenti spostando 

le braccia avvinghiate.

 

Al "Box" dato dall'arbitro la pugilessa di colore penso che fosse il caso di rientrare in gioco e dal centro del ring si mosse in 

cerca di Teresa. Riuscì ad andare a segno con un buon diretto e D-TJ indietreggiò per non subire altri colpi, ma Allison

la segui e sfuttando il peso del corpo che avanza lasciò andare un largo ganciò sinistro che fece breccia tra i guantoni

di Teresa e le girò la testa. La smorfia per il colpo subito spostò il paradenti di Teresa e fece partire schizzi di acqua e 

sudore. <<Muoviti, muoviti>> gridai alla mia amica <<non subire questi colpi dalla media distanza>>

Ma chiaramente come gridai questi miei consigli a Teresa anche Allison li potè sentire e rincorse l'avversaria in cerca di

altri colpi devastanti. Questa volta fu Teresa quella che dovette abbracciare l'avversaria per interrompere l'azione.

La "Pugilessa Mamma" si appoggiò alle corde e agganciò a braccia aperte la picchiatrice di colore. Le due atlete

ingaggiarono una vera e propria lotta che coinvolgeva le varie parti del corpo: le braccia erano continuamente che

si spingevano e tiravano, le teste erano a stretto contatto e anche i piedi si calpestarono in più occasioni. Teresa,

addirittura infilò la coscia destra tra le gambe di Allison nel tentativo di bloccarla definitivamente. Lilian, la secondo

di Allison, osservava da vicino questa battaglia e spronava la sua amica ad essere più energica.

Nel proseguio della ripresa Allison continuò la parte di "cacciatrice", ma Teresa aveva imparato la lezione e cambiato

tattica: indietreggiava attorno al ring e ogni tanto si fermava per lasciare partire un colpo di sorpresa. In qualche modo

riusciva ad attaccare nonostante fosse la "preda". Ancora una volta D-TJ si trovò rinchiusa all'angolo, ma non appena

tocco la gommapiuma bianca che protegge il palo, piegò il torso all'indietro per evitare un gancio ai fianchi e tirò

un secco jab che girò la testa di Allison.

<<Belllloooooooooooo!>> gridai io

La campionessa si sentì ferita nell'orgoglio e con entrambe i guantoni spinse Teresa alle corde e cominciò a lavorarla ai

fianchi. Con posa da vera pugile professionista Teresa abbassò la testa e la infilò tra i guantoni per proteggersi, poi 

chiuse i gomiti e chinò le braccia per salvaguardare il più possibile fianchi e addome. Allison lanciava dei montani che 

partendo dal basso colpivano il busto di Teresa nel tentativo di infilarsi tra le braccia ben chiuse della pugilessa dai 

guantoni blu, ma la difesa di D-TJ era solida e tutti i colpi si arrestavano sull'addome. Ad un certo punto, a forza di subire

questi montanti circolari  la conchiglia di Teresa si spostò verso l'alto arrivando quasi a toccare il seno.

Teresa non era a suo agio con la conchiglia fuori posto e si spostò dalle corde alzando il braccio destro per richiamare

l'attenzione dell'arbitro e con la mano sinistra indicò il problema:

<<Hey arbirto, ferma!>> mugugnò Teresa visto che il grosso paradenti non le facilitava la parlata.

L'arbitro alzò subito le braccia, fermò il match e la aiutò a sistemare la protezione nera della Ringside.

Per evitare di subire ancora, Teresa passò al contrattacco e colpì Allison con un sodo gancio destro dall'alto al basso.

Lilian si accorse che la sua collega infermiera non riusciva a dominare l'avversaria come avvenuto nel match 

precedente, perciò la esortò ad essere più efficace:

<<Dai Allison, non mollare, sei tu la campionessa. Falle vedere chi sei. Falle sentire i suoi colpi!>>

Quel consiglio fu subito eseguito da Allison e io stupito dalla fulminea reazione pensai tra me e me:

<<Oh, la sua amica le dice una cosa e lei subito la esegue, dovrei dire a Lilian che potrebbe proprio farsi i ca--i suoi!>>

La frase era ironica ma confermava il fatto che Allison era un'autentica picchiatrice e infatti portò subito una serie di 

combinazioni che fecero arretrare Teresa. La "Mammina pugile" si chiuse nuovamente nella guardia ma un fulmineo

jab di Allison fece breccia tra i guantoni blu e centrò Teresa in pieno mento piegando tutto il busto verso le corde.

<<Vai via di lì>> gridai a Teresa ed essendo agitato mimai con le braccia la direzione dove spostarsi, ma D-TJ era 

di spalle quindi oltre a non vedermi penso non potesse neppure sentirmi visto che era impegnata ad incassare il colpo 

e a proteggersi nuovamente. Ancora una volta la resistenza fisica di Teresa era stata messa a dura prova quindi, non

appena suonò la fine del quarto round saltai sul ring e le corsi incontro per aiutarla a rientrare all'angolo blu il più 

velocemente possibile e farla riposare. Lei si appoggiò a me abbracciandomi con il braccio destro, io feci lo stesso 

passando il mio braccio dietro la sua schiena e sorreggendola. Pareva non avesse neppure la forza di sputare 

il paradenti perciò lo estrassi io mentre le sussurravo parole di conforto. Lei appoggiò la sua testa alla mia e la osservai:

il laccio ai capelli l'aveva perso ancora nella terza ripresa ed ora erano tutti in disordine e bagnati, il corpo era sudato 

e il volto portava i segni del match: zigomi gonfi, naso arrossato da schizzi di sangue, lividi al mento.

La feci stendere sullo sgabello in modo più comodo possibile, lei infilò le braccia dietro le corde per farsi sostenere, mentre

io le divaricai le gambe, infilando la destra sotto la mia coscia per andare meglio a massaggiarla. Prima di tutto le 

spruzzai l'acqua su tutto il corpo, poi spostai la frangetta di capelli e le strizzai una spugna zeppa d'acqua sulla testa.

Una cascata d'acqua scrosciò lungo il volto rinfrescandola notevolmente, poi i vari rigagnoli corsero sul petto e 

andarono a perdersi sotto al paraseno e al body. Teresa emise dei gemiti di sollievo a sentire il fresco dell'acqua che

contrastava i rossori del viso e le gocce gelide che le sfioravano i seni e l'addome. Lei mi guardò con aria esausta e 

gli occhi semi chiusi dalla stanchezza e dai colpi incassati, ansimava e vedevo l'addome muoversi velocemente. 

Cominciai a darle i consigli per l'ultimo round e mentre facevo questo le massaggiavo delicatamente le gambe, 

in realtà non si trattava di un vero e proprio massaggio ai muscoli, ma di semplici carezze: passavo lentamente e 

in senso circolare la mia mano sul interno coscia, il mio palmo sfiorava dolcemente le gamba resa vellutata dai collant. 

Era un modo per aver un contatto fisico con lei, per dimostrarle che non mi limitavo a darle degli ordini come se fosse 

stata una macchina spara pugni, oltre al lato agonistico c'era il lato umano, i miei consigli sul match e le mie carezze 

sulle gambe volevano dire: "In questo momento sei una pugilessa e in quanto allenatore ti ordino di picchiare duro, 

ma so che principalmente sei una donna e in quanto amico ti voglio coccolare!"

Nell'angolo opposto anche Lilian, da brava infermiera, collega e amica di Allison, si stava dando da fare. Anche la 

pugile di colore era visibilmente provata, respirava affannosamente ed era tutta sudata. Anche il suo volto dimostrava

di aver subito i colpi dell'avversaria e Lilian, stava spargendo di vasellina zigomi e sopracciglia.

Lo speaker ordinò "Fuori i secondi", perciò aiutai Teresa ad alzarsi velocemente e mi preparai a darle la carica finale,

mi misi davanti a e le parlai mentre si stava sistemando la gonnellina e la conchiglia:

<<Ok Amore! In questi ultimi due minuti ti giochi tutti i sacrifici fatti da tre mesi a questa parte. Lei ha dominato all'inizio

e tu hai recuperato, quindi ora vai lì e metticela tutta per portarti a casa la vittoria! Fallo prima di tutto per te stessa,

poi per tuo figlio Jimmy e se vuoi anche per me! Come vedi Allison non è poi così irraggiungibile come nel match scorso.

Tutte e due siete stanche e siete andate giù di tono, quindi vincerà questo incontro chi ha più cuore....... e tu mi hai 

sempre dimostrato di averne da vendere!>>

<<Grazie. Questo match lo vorrei proprio vincere, in questi sei incontri ho preso talmente tante botte e voglio essere

ripagata con quella cintura. La volontà e il cuore non mi mancano, è il fisico che non c'è più: ho 41 anni e lei ne ha 33

e ho paura che questi 9 anni facciano la differenza in questo momento! Sono sfinita!>>

<<Ti ho detto: vinci prima di tutto per te stessa, dimostrati cosa sei stata in grado di fare alla tua età. Lo so che sei

fisicamente provata, ma dacci dentro in questi ultimi due minuti e poi vedrai che al resto ci penso io. Ti ricordi quei

massaggi delicati che ti ho fatto sul divano di casa mia due settimane fa? Bene, tu presentati nel mio appartamento

con indosso la cintura di campionessa del GBC e ti farò 100 di quei massaggi! Ora va e picchia sodo!>>

I suoi occhi si illuminarono, io le accarezzai le piegai delicatamente la testa e la baciai in fronte.

Evidentemente noi fui l'unico a iniettare fiducia alla propria pugile, anche Lilian parve aver caricato Allison, che come

primo colpo fece subito breccia tra la guardia di Teresa con un forte diretto sinistro.

Teresa parve essere disorientata dal fatto che, invece di partire all'attacco come io e lei ci eravamo ripromessi, era 

costretta ad incassare e difendersi e nel tentativo di riguadagnare terreno si trovò a dover scambiare colpi con una

determinata Allison. Entrambe si incrociarono con il jab, ma la picchiatrice di colore fu più precisa e il suo guantone

rosso piegò la testa dell'avversaria, i capelli di Teresa si mossero all'aria e come piccole fruste fecero partire rapidi schizzi

d'acqua e sudore, il pubblico apprezzò il colpo.

Teresa faticò ad incassare e indietreggiò fino alle corde vicino al mio angolo, vide arrivare Allison con aria minacciosa e

si preparò a proteggersi andando incontro all'avversaria con i guantoni aperti, fu un grave errore perchè in tal modo

la guardia non era solida e venne spazzata facilmente via da un terrificante diretto destro che colpì Teresa in pieno

volto. L'impatto fu devastante, il busto e le gambe di Teresa si piegarono, la testa girò a destra i capelli volarono indietro.

Ero a meno di un metro di distanza perciò vissi quasi in prima persona quel colpo: sentì il fragore del guantone di Allison 

schiantarsi sul mento della mia pugile e vidi la faccia arrossata, la smorfia alla bocca e gli occhi chiusi dal dolore.

Nel giro di due secondi vidi Teresa finire al tappeto priva di forze, con le braccia distese sopra la testa e le gambe 

piegate all'indietro dalla caduta, emise un gemito o uno sbuffo e sputò a malapena il paradenti. Il momento fu 

drammatico e mi misi le mani in testa dallo sconforto, rivissi l'incubo del match precedente, ancora una volta Teresa 

era stata messa giù da un improvviso e devastante pugno di Allison.

Il Dusty Moon era un misto di grida di esultanza ed esclamazioni di delusione, abbassai la testa e guardai per un attimo 

il pavimento: "Fine di un sogno!" pensai. Poi per un attimo calò il silenzio e la mia attenzione venne catturata da una 

serie di persone che gridarono ripetutamente: <<D-TJ .... D-TJ .... D-TJ>>. Avevo ancora lo sguardo fisso sulla moquette

viola e mi chiesi come la gente potesse scandire il soprannome di Teresa dal momento che aveva perso per KO, perciò

alzai gli occhi e con immenso stupore vidi che non aveva ancora perso, l'arbitro la stava ancora contando ma la cosa

più stupefacente è che Teresa si era sollevata da terra, si era messa in ginocchio e si teneva appoggiata mentre

osservava il conteggio. Mi aggrappai alle corde e la osservai con aria apprensiva, lei era visibilmente provata e si stava

lentamente infilando il paradenti mentre teneva sempre sott'occhio le dita dell'arbitro.

All "8" si riportò in piedi e con i guantoni si sistemò la frangetta, poi si mise in guardia facendo capire all'arbitro che era in

grado di continuare. Aveva assunto un aria molto aggressiva, era indubbiamente provata, ma lo sguardo sembrava

essere più determinato che stanco, pareva quasi che più che il dolore provasse la rabbia per essere stata messa al 

tappeto. L'arbitro mosse le braccia indicando alle pugilesse di avvicinarsi e di riprendere il match.

Allison partì decisa a mettere giù nuovamente l'avversaria, ma sottovalutò la condizione mentale di Teresa, pensò 

solamente che la pugilessa dai guantoni blu fosse ormai stanca ma non immaginò che fosse principalmente ferita

nell'orgoglio. Quindi quando la campionessa andò incontro alla "facile" preda, non si accorse che Teresa era partita

prima di lei e con tanta energia pronta a esplodere. D-TJ aveva capito che cogliere l'avversaria totalmente di sorpresa

era l'unico modo per tentare di rientrare in partita. E infatti Teresa decise di giocarsi tutto in quel primo colpo: appena

le due pugilesse si avvicinarono l'una l'altra, la "Mammina Pugile" fece letteralmente esplodere un veloce, preciso e

potente montante destro. Come previsto Allison non si aspettava un colpo del genere, e quel pugno fu un autentica

"tranvata" che le piegò la testa in maniera fulminea come una frustata.

Allison si trovò al tappeto! Il pubblico emise un boato talmente forte da fare quasi tremare le pareti del Dusty Moon.

Teresa si diresse verso l'angolo neutro che fino a qualche secondo prima era stato occupato dalla sua avversaria

e l'arbitro cominciò il conteggio. Osservai attentamente la campionessa: era un atterramento ossia Allison non era finita

completamente distesa al tappeto priva di forze, era stata atterrata da un colpo che le aveva tolto l'orientamento,

le gambe erano piegate e i gomiti sorreggevano il busto piegato in avanti, la testa era faticosamente alzata ad

osservare il conteggio. Era indubbiamente stanca e gli occhi erano socchiusi dai lividi e dal dolore come nel caso di 

Teresa, ma lo sguardo era assente, sembrava si stesse chiedendo cosa stesse succedendo.

Immaginai che per Allison questo fosse un triplice KO, riguardava un aspetto fisico e due psicologici: il primo aspetto

era l'atterramento proprio in senso fisco, era stata messa giù da un colpo che le aveva fatto perdere le forze: gli altri

due aspetti invece erano da ritenersi due KO in senso mentale: per la prima volta nella sua carriera di pugile Allison

era stata messa al tappeto e poi, cosa ancor più scioccante, Allison era stata messa al tappeto da un'avversaria

alla quale era toccata la stessa sorte venti secondi prima, quindi c'era stato un fulmineo e imprevisto rovesciamento 

di fronti. Pensai proprio che al livello psicologico questi fatti fossero deprimenti:

<<Deve essere proprio un trauma sapere che hai appena atterrato l'avversario, ti convinci che di lì a poco

lo batti per KO, e al primo scambio ti ritrovi al tappeto..... in più se è anche la prima volta che finisci giù....>>

A conferma di questi ragionamenti vidi la reazione di Allison quando il match riprese, la stanchezza fisica di entrambe

le pugilesse era giustificata, ma la campionessa sembrava disorientanta, sembrava aver perso la sua sicurezza,

sembrava timorosa di finire nuovamente al tappeto. Dal lato opposto Teresa acquistò sicurezza, perchè ora tutte e

due si trovavano sullo stesso piano, la situazione si era livellata ed ora bisognava portarsi a casa il match. Teresa si fece

avanti e colpì Allison con un gancio sinistro mentre la campionessa ancora stava tentando di recuperare sicurezza.

<<Brava Teresa>> gridai io <<Continua così ma proteggiti sempre!>>

La situazione si fece difficile per Allison che fu costretta ad indietreggiare e proteggersi. Teresa la seguì prontamente

e quando la pugile di colore si fermò al proprio angolo, la picchiatrice bianca la lavorò alle corde. Allison si chiuse nella 

guardia e si piegò in avanti, mentre Teresa, vedendola ben protetta al volto, preferì colpirla ai fianchi, scaricando

tutta la sua potenza con un diretto sinistro che passò tra il seno di Allison e la colpì in pieno addome. L'impatto fu molto

forte, tant'è che la gonna blu si sollevò ma fortunatamente il la forza del colpo venne in parte attutita dalla conchiglia

rossa della Tilte che la campionessa indossava. Lilian, che si trovava a un metro gridò ad Allison di reagire.

Teresa volle stare al gioco ed indietreggiò, facendosi così seguire da Allison, ma una volta arrivata alle corde colse di 

sorpresa l'avversaria facendo partire un bel montante sinistro che scosse nuovamente l'infermiera.

<<Sìììììì!>> gridai io, ero estasiato dalla carica di Teresa, nonostante si fosse trovata con le spalle alle corde aveva

attuato una buona tecnica di attacco.

Allison crollò su Teresa piegandosi e spingendola alle corde, era priva di forze e lo notai dalla posizione che teneva:

aveva messo tutto il peso del corpo in avanti, ma invece di chiudere in clinch con vigore, le braccia era abbassate 

e si incrociavano dietro la schiena dell'avversaria appoggiando i guantoni sul sedere di Teresa. I lividi sul volto di Allison

si erano fatti più evidenti e la testa appoggiava sulla spalla di Teresa come una bambina che si sta per addormentare

in braccio alla madre, il paradenti sporgeva completamente dalle labbra e gli occhi erano socchiusi. Teresa era 

sbilanciata all'indietro e si appoggiava alle corde, perchè oltre alla stanchezza ora doveva sostenere una parte 

del peso di Allison,  che oltre ad averla immobilizzata all'altezza del busto, le aveva bloccato il piede destro. 

L'arbitro capì che le due amazzoni erano stanche quindi attese qualche secondo, poi andò a dividerle.

Nell'azione successiva Teresa si mosse bene con il tronco, e tenendo saldamente i piedi per terrà colpì Allison con 

un gancio sinistro, spazzando via la difesa e facendo partire una miriade di schizzi.

Con la guardia abbassata e con le spalle alle corde Allison dovette incassare un altro magistrale colpo di Teresa:

la "Mammina Pugile" distese le gambe e si protrasse in avanti lanciando un largo gancio destro. Ancora una volta

vidi la bocca e la guancia di Allison deformarsi dal colpo, una doccia di acqua e sudore volare in aria e l'espressione

di dolore della campionessa. "Sapevo che sei una picchiatrice, ma ora so che sei anche un'incassatrice!" pensai 

riferendomi ai pugni che la campionessa era in grado di dare e prendere.

Questa volta Allison reagì e colse Teresa impreparata con un montante sinistro, ma il colpo fu solo portato per poter

contrastare l'avversaria e poterla chiudere in clinch. Evidentemente l'infermiera non si sentiva in grado di scambiare

pugni. Teresa accusò il colpo dalla stanchezza e si fece abbracciare volentieri, anche se Allison le gettò letteralmente

le braccia attorno immobilizzandola il più possibile. Teresa si ritrovò con il braccio sinistro incastrato tra i due corpi, 

il busto spinto ancora una volta all'indietro e le gambe bloccate da quelle di Allison. L'unica parte libera di D-TJ era il

guantone destro che usò per martellare il volto dell'avversaria in segno di disturbo. Allison per evitare di ricevere altri

colpi sul naso si girò spingendo all'indietro la testa di Teresa per poter passare al lato opposto. Così le due pugilesse si 

trovarono a strusciarsi viso contro viso e per un attimo le labbra entrarono accidentalmente in contatto ma ci fu

comunque il commento dello spiritoso di turno che gridò:

<<Sì, brave, baciatevi ancora!>>. Ciò che notai io non fu il bacio casuale, ma i lividi di entrambe le pugilesse, le labbra

di Teresa ed Allison erano entrare in contatto per sbaglio, ma i guantoni non erano entrati in contatto con i rispettivi 

volti per sbaglio: se le erano davvero suonate di santa ragione per tutti e cinque i round.

L'arbitro divise ancora una volta le due donne che si guardarono con stanchezza, tutte e due era sudate e provate

dal match e sembrava si chiedessero quanto mancasse alla fine, poi qualcuno gridò:

<<Forza ragazze mancano 10 secondi!>>

Nuovamente Allison e Teresa si guardarono e si fecero forza per avvicinarsi al centro del ring e dar vita all'ultimo

scambio. Avanzarono in maniera scomposta e si fermarono quando si accorsero che i piedi erano entrati in contatto, 

Teresa aveva calpestato il piede di Allison, quindi in contemporanea realizzarono che fosse il caso di far partire 

il proprio colpo: Allison tirò un gancio destro che colpì la tempia di Teresa piegandole la testa verso destra, mentre 

Teresa fece partire un montante destro che centrò il mento di Allison spingendole la testa indietro.

Ci fu un boato della folla perchè fino all'ultimo scambio le due pugilesse avevano dato il cuore. Il rumore della gente, le

grida e gli applausi quasi coprirono il suono di fine match, fu l'arbitro a gridare "Stop" alle ragazze per confermare la fine.

Allison e Teresa abbassarono la guardia, aprirono le braccia e si guardarono con un lieve sorriso, tutte e due stavano

pensando "Finalmente è finito!", poi si avvicinarono e rimasero abbracciate a lungo. Il pubblico apprezzò questo gesto 

di sportività e le applaudì, anche l'arbitro si unì al battimani della folla. Nonostante i paradenti le due riuscirono a

scambiarsi i complimenti:

<<Sei stata bravissima, sei migliorata molto!>> disse Allison

<<Grazie, sei stata bravissima anche tu e se ho combattuto così bene è perchè tu mi hai costretto a farlo>>

<<Teresa, sei la donna più forte che abbia incontrato finora. E' stato davvero un match molto duro!>>

<<Appunto Allison, perciò promettimi che non lo faremo di nuovo.... se non altro non a breve!>>

<<Ah ah, stai pur certa che nemmeno io ho fretta di assaggiare nuovamente i tuoi guantoni!>> Allison abbracciò

Teresa sui fianchi dandole dei leggeri colpetti, entrambe sorrisero, poi la "Mammina Pugile" mise le braccia attorno

alle spalle della campionessa e le baciò affettuosamente la guancia.

Pensai che fosse un momento davvero toccante:

"Eccole lì a complimentarsi da vere sportive. Dopo che sono state due acerrime rivali per tutto il torneo, dopo che se 

le sono date di santa ragione per tutto il match ora si sorridono e abbracciano come due amiche. Usando i guantoni 

si sono guadagnate il rispetto l'una dell'altra e la rivalità ha lasciato spazio alla stima reciproca! Che donne!>>

Poi Teresa estrasse il paradenti con il guantone destro e venne verso di me sorridendo. Io le gettai una spruzzata 

d'acqua, la accarezzai e le passai il ferro per alleviare i lividi.

<<Sei stata a dir poco grandiosa>> dissi io <<Ammetto che quando ti ho visto andare giù ho detto "Questa è la fine", 

poi quando ti ho visto rialzarti ho detto "Che donna!" ma mai mi sarei immaginato vederti mettere al tappeto Allison

nella successiva azione. E da quel momento il round l'hai dominato! Sei stata bravissima!>>

<<Grazie! Ti avevo detto che volevo quella cintura, perciò quando sono finita KO, mi sono detta "Eh no, ho già perso

una volta per KO con Allison, quindi se è destino che non riesca a batterla, almeno voglio perdere ai punti!" E quindi 

mi sono data da fare per recuperare>>

<<E hai recuperato alla grande.......... ti faccio male se schiaccio così lo zigomo?>> chiesi io

<<No, non mi fai tanto male. Me ne ha fatto di più lei in queste cinque riprese. Ho la faccia piena di botte, almeno spero 

che tutti questi lividi diano siano serviti a qualcosa stasera>>

<<Lo spero anch'io! Voglio essere onesto con te: l'incontro è molto equilibrato! Tu hai dominato quest'ultima ripresa e 

nella quarta sei andata bene, ma bisogna tener conto che se tu hai fatto un match in crescendo, Allison ne ha fatto

uno in calando, ma questo vuol anche dire che nelle prime riprese lei è andata meglio di te, quindi ora sarà da vedere

come il pubblico ha giudicato il match nel suo globale. Ma anche se dovessi perdere, resta il fatto che io sono fiero di

te perchè sei stata strepitosa!>> vidi l'arbitro prepararsi per il verdetto, quindi dissi <<Dai ora vai....... e speriamo bene!>>

Allison e Teresa raggiunsero il centro del ring e l'arbitro prese il rispettivo destro e sinistro pronto per alzarne uno dei due.

L'atmosfera si fece tesa: c'era molta apprensione e curiosità per il verdetto, mai come in quel momento il Dusty Moon

fu così silenzioso, il pubblico smorzò velocemente i brusii quando videro lo speaker prendere il foglio dalla giuria.

Io incrociai le braccia e con aria concentrata guardai le due pugilesse: Allison aveva appoggiato il guantone sinistro

sul fianco in chiaro segno di attesa, Teresa aveva tutte e due le braccia distese ma la gamba destra era leggermente

piegata all'indietro e martellava delicatamente il tappeto con la punta del piede.

Poi lo speaker avvicinò il microfono alla bocca e sentii il mio stomaco ristringersi: "Ecco ci siamo" pensai io ....


CHAPTER 36

At the clang of the bell for round four, Teresa sprang quickly forward on the attack.

Firing a snappy right hook, her blue gloves drove Allison's head upward with a jolt.

Although they were both very tired, Teresa assumed the role of aggressor in this fourth session while Allison

attempted to clutch and hold her surging adversary. The ebony fighter, wrapped her right glove behind

Teresa's neck, while she attempted to hold the pumping right arm of her attacker with her left glove.

Teresa leaned into her rival,doing her best to keep dellivering her short armed blows on the inside to beat Allison back.

As Teresa pressed her adversary back into the ropes, Allison managed to secure a  bear hug around the back of 

"Boxing Mom" drawing her in tight and clamping her chin over her  shoulder. Struggling bosom to bosom against 

the ropes, the referee stepped forward to pry them apart.

After being separated by the referee, the battling damsels started to exchange punches at medium range.

Allison split the defensive guard of Teresa with a murderous left jab to the cheek that exposed the white mouthpiece 

of her foe. From outside the ring, Derek shouted encouragement to his stunned fighter.

Seeking to clear her head after than shocking blast, Teresa reached outward to clinch and nullify the attack of her 

advancing antagonist. Allison forced Teresa's head and shoulders back over the top ropes as she leaned her weight into

her grappling rival. Lillian, Allison's second shouted encouragement to her friend from the red corner.

After being parted again by the ref the fighters resumed swapping punches. Moving outside the right jab of Allison, 

Teresa delivered a sweet right cross the caused the black fighters face to swivel hard to her right.

A grimace of pain appeared on her contenance from the sledgehammer blow.  

Showing her determination and resilience, Allison came battling back digging in hard right and left hooks to the midriff 

of Teresa under her raise elbows. In attempting to protect her head, she had left her body open and Allison availed 

herself of that opening. Those red-leather wallops to the belly, shifted the position of Teresa's groin protector, causing it 

to pop up above her lowered fight skirt.

Gesturing with her right glove while she pointed her left glove at the exposed protector, she prompted the referee

to call a break in the action for a necessary equipment repair.  

With the needed adjustments made in her safety gear,action resumed between the two battered boxers.

Scoring blows were exchanged in heated flurries until near the end of this hard swinging period, Allison pummeled 

Teresa backward toward the ring cords. From just beneath her at ringside, Derek hollered for his boxing friend to stay

off the ropes. Easier said than done with red-leather bullets sriking her head and body with painful force. 

With the clanging of the bell, Allison spun quickly around to head toward her corner for the minute break.  Derek slipped 

quickly through the ropes, rushing out to assist his battered fighter. Draping her right arm across his shoulder to support 

her, he gently removed her mouthpiece from between her swollen lips so that she could breathe easier. 

Throught the break, Derek worked vigourously to refresh and rejuvenate his exhausted fighter. While Teresa slumped 

listlessly back against the turnbuckle, he applied soothing water from his sponge to her head while massaging her 

weary legs to envigorate them. 

Across the ring, Allison's trainer Lillian was likewise ministering to her tired friend. 

With the the announcement for the seconds to leave the ring, Derek gentlely kissed the forehead of his courageous 

friend, while Teresa adjusted her skirt and prepared herself for the crucial final round. Before departing through 

the ropes Derek leaned close to speak a final time to his fighter-friend:

<<Teresa, you have managed to come back strongly in the scoring. The next two-minutes will be your grandest 

moments. You have to fight with your heart and accomplish your dream not only for yourself, but for your son Jimmy 

who loves you as much as I do.  Go get her! Bring home the championship you deserve>>

<<I'm exhausted, but I will do my best>> replied her

<<I know you are exhausted, but concentrate on winning and after that I will know what to do to relieve your pain.

Do you remember the softly massages that I did to you on my sofa two weeks ago? Well, win the GBC belt and I promise 

that I will do a hundred of those caresses>> then Derek held Teresa's head and kissed her forehead.

After touching gloves at center ring to signify the last round of fighting, the action errupted into a torrent of blue 

and red missiles exchanged by the determined scappers. Allison peppered the battered features of the "Boxing Mom" 

with concentrated salvos of jabs and combinations. 

A hard left hook during one heated exchange drove Teresa's chin forefully backward sending a shower of perspiration

and stringy strands of hair outward from her head. 

A wrecking ball right jab crashed against the swollen left jaw of the defenseless Mom.

Teresa tumbled forward collapsing face downward on the unyielding ring canvas, while Allison retreated quickly to 

the designated neutral corner. Derek held his hands to his head in shock and disbelief at the spectacle of his stricken 

friend sprawled lifeless on the dusty mat. 

If Derek was shocked by the brutal knockdown, it was followed by even a bigger surprise when his fighter  and friend 

rose groggily from the floor. He thought earlier that she must certainly be knocked unconscious by the last onslought 

of her ebony rival, but he saw her getting up. Teresa was crouched on her haunches, watching the count signaled 

by the striped-shirt official while reinserting her dislodged mouth piece with her gloved left hand. 

Allison watched in disbelief also from the ring corner. 

After taking the referee's eight-count, Teresa stared with steely determination over her gloved fists, as the referee  

waved the fight to continue. She seemed more embarassed then hurt by the sudden knockdown. 

Allison charged forward toward her risen opponent, eager to deliver the coup de grace that would give her the victory

and the coveted championship. As she prepared to launch that decisive hay maker, she ran full-tilt into a slashing right

uppercut that came out of nowhere to explode on her chin. 

Just that quickly the pole-axed Allison crumpled to the canvas in a surreal stupor. What happened she wondered as for 

the first time in her boxing career, she was knocked to the floor. She looked up through a clearing haze to see the referee

administer the count-up to her. Teresa was on her way  to the same neutral corner her rival had just left.

With great effort, Allison struggled up before being counted out. At the count of nine she stood on wobbly legs 

presenting her gloved fists for the referee to wipe before she was cleared to fight on. Teresa was an avenging destroyer

as she advanced behind a fusillade of quick hard lefts and rights. Allison huddled in a defensive shell trying her best to 

ward of the blistering flurry of  blue-gloved bullets coming at her from everywhere. 

The repeated strikes drove her slowly back toward the roped barrier. Trapped near her own red corner Lillian frantically 

screamed advice and encouragement to her belabored charge. Teresa blistering assault never faltered as she 

delivered punches to both the body and head of her victimized foe. 

Although both boxers were nearing physcal exhaustion, Teresa's persistant punches were accurate and punishing. 

They were landing through an ever-weakening defense by the raven-haired Allison. Fans for both fighters shouted 

encouragement as the one-sided beat down by Teresa continued.  

Drawing upon her surival instincts, Allison lunged forward grabbing Teresa in a desperate embrace to prevent another 

unwanted trip to the canvas. Laying all her weight against her roped foe, Allison held on for dear life until the referee 

arrived to separate them again. If not for the ring ropes at her back, Teresa would have collapsed under the effort 

to support their combined weight.

Free from her entrapment against the ropes, Teresa continued her free-swinging assault 

against the stumbling black beauty.

Connecting to the side of Allison's jaw with a whistling right cross turned the defenseless fighter's head sharply to  

the right. Sweat and spittle sprayed from the blue-leather hammer strike and her black pony tail splayed outward 

from the back of her head. 

Stumbling forward into another desperation clinch, Allison once more pressed Teresa tightly against the ring ropes 

and pushed her face forward against Teresa's cheek as if to whisper a secret to her white adversary.

With mere seconds remaining in the round, both women fired simultaneous right hand blows that connected causing

each woman to struggle mightily to maintain her balance. Both were in such a weakened condition they had a difficult

time remaining upright. The fact that they were stepping on each other's foot did not help. 

At last the bell clanged repeatedly, signaling the end of a titanic struggle between two determined scappers. 

Falling together in a sisterly embraced, both women were grateful to have finished the battle still standing.  

They were raucously applauded by the appreciative fans who realized the magnificency of their mutual efforts.

After removing their mouthguards, each sincerely expresses her genuine respect for the other.  This was their second 

meeting in the tournament and each has grown in their respect for the power and toughness of their opponent.  

Looking at the damage each has sustained from the punishing fists of their rival there was no denying that this was 

a milestone in the series between them. Teresa confirmed that she took a brutal leathering from her black sister, but 

to show there were no hard feelings, she planted a tender kiss on the cheek of Allison:

<<Let's not do this again any time soon, ok?>> said Teresa. 

<<Be sure that I totally agree with you!>> replied Allison with a smile of amusement.   

Returning to her corner, Teresa spat her mouthpiece and holded it on her right glove. Derek applied the chilled Endswell

to the bruised and swelling skin of his charge for a final time before the official announcement is made, Derek spoke:

<<Teresa, you are amazing.  When I saw you down on the canvas in the final round, I could not believe you would 

get up, much less continue to fight for the rest of the round.  In my book that was enough to earn you 

the championship belt>>

<<I couldn't let it end that way with me laying on the floor. It just made me want to pay her back that much more>>

Teresa replied

<<Well, you certainly did pay her back. Now we will have to wait and see who the fans felt won this very tough 

confrontation. You have won the admiration of many fans and even your opponent, that I feel certain>> Derek offered.

The speaker called the boxers to the center of the ring where the referee took one gloved fist of each fighter.

Everyone was eagerly awaiting the final decision as the Dusty Moon fans grew silent in eager anticipation of the 

outcome of this contest. Both fighters fidget nervously as all eyes were fixed on the ring announcer who picked up 

the microphone to disclose the official results ...............